Contabilizzazione del calore


La contabilizzazione del calore - Dlgs 102/2014 - i prodotti

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

La contabilizzazione del calore, obbligatoria ai sensi del Dlgs 102/2014, consente di gestire in autonomia e indipendenza il riscaldamento negli edifici dotati di caldaia centralizzata oppure allacciati ad un'utenza centralizzata di teleriscaldamento. Adottare la "Contabilizzazione del calore" significa poter regolare autonomamente la temperatura del proprio appartamento pagando soltanto in base all'effettivo uso del riscaldamento. 

Il sistema di contabilizzazione del calore per impianti dotati di radiatori si compone di: valvole con testine termostatiche per la regolazione della temperatura; ripartitori di calore per il riparto delle spese in base all'effettivo consumo; sistema di lettura a distanza, in modo da garantire un costante monitoraggio dell'impianto.


Ripartitore di calore  

Conforme alla norma UNI EN 834, dotato di due sensori di temperatura, con batteria al litio incorporata (durata > 10 anni).

La lettura avviene senza accesso fisico agli alloggi attraverso trasmissione radio a bassissima emissione, frequenza 868 Mhz.

E' importante che esso utilizzi un protocollo di comunicazione standard OMS. (Open Metering System http://oms-group.org/en/mitglieder/), in modo da consentire maggiore libertà al condominio nel suo utilizzo.

La lettura può avvenire tramite centraline di lettura a distanza (da installare nel vano scala dell’edificio), oppure tramite sistema Walk-by (lettura via radio locale).

I ripartitori sono inoltre dotati di appositi sistemi di piombatura anti manomissione e allarmistica automatica. 


Valvola termostatizzabile, testina termostatica e detentore 

Da applicare sul radiatore per regolare automaticamente il flusso dell’acqua calda, in modo da poter impostare e mantenere la temperatura di ogni stanza al livello desiderato.  In occasione dell’installazione della valvola termostatizzabile sarà sostituito anche il detentore per migliorare la circolazione del fluido nel radiatore.


Centralina di telegestione NetDomus 

La centralina di raccolta e trasmissione dei dati NetDomus, consente di centralizzare gli strumenti di misura installati (ripartitori, contatori, ecc.).

La centralina rende disponibili giornalmente i dati di consumo sul portale e nell’apposita APP MYNETDOMUS. 


Termoregolazione intelligente

La termoregolazione intelligente consente di gestire il riscaldamento centralizzato in modo innovativo.

Combinando i dati dei misuratori (ripartitori di calore / contatori / sensori di temperatura) e le impostazioni di comfort o di risparmio decise da ciascun utente attraverso l’APP o il portale web, l’utilizzo del riscaldamento in ciascuna stanza si adatta in modo automatico attraverso le valvole motorizzate (disponibili anche con tecnologia Micropelt - energy harvesting powered systems - ) e la centralina NetDomus appartamento.





Servizi di contabilizzazione dei consumi di riscaldamento e acqua calda sanitaria (UNI 10200) su

MyNetDomus

Descrizione immagine
Descrizione immagine

La Piattaforma MyNetDomus supporta l’acquisizione e la gestione delle letture in molteplici modalità e frequenze (settimanale - mensile - bimestrale - ecc.):

-        AMR (automatic meter reading)

-        Walk - by (telelettura lettura locale)

-        Letture dirette del partner Locale

-        Autoletture acquisite direttamente dal cliente tramite APP (per particolari casistiche)

Al momento dell’acquisizione del dato vengono trasferite anche tutte le informazioni sul funzionamento del sistema (es: dispositivi in errore, sospette manomissioni, ecc.)

Il sistema è inoltre configurabile con molteplici livelli di allarme (es: superamento dei consumi, consumi nulli, segnalazione di errore, ecc.).

I livelli di servizio disponibili sono i seguenti e possono essere contrattualizzati sia direttamente al condominio, sia all’azienda.

 

Descrizione immagine

CaldoMini: accesso web ai dati di lettura

-           accesso al portale web dedicato al servizio di contabilizzazione, contenente la storicizzazione delle letture 

-           lettura settimanale dei consumi (in presenza di sistema di telelettura AMR);

-           visualizzazione del dettaglio letture per singolo misuratore (ripartitore/contatore);

-           visualizzazione delle eventuali anomalie del sistema di lettura e di trasmissione;

-           funzione di export delle letture.

CaldoBasic: lettura e verifica dei dati di consumo

-           emissione annuale del prospetto riepilogativo dei consumi di periodo con dettaglio a livello di singola unità immobiliare;

-           gestione delle stime e delle casistiche particolari in ottemperanza alla Norma UNI 10200 (vers 2015);

-           verifica di eventuali anomalie sui consumi;

-           customer care dedicato all’amministratore  (telefono, email, fax);

-           accesso al portale web per l’amministratore del condominio dedicato al servizio di contabilizzazione,

-           lettura settimanale dei consumi (in presenza di sistema di telelettura AMR);

-           visualizzazione del dettaglio consumi relativi alla stagione termica per singolo misuratore (ripartitore/contatore);

-           visualizzazione e calcolo dei consumi intermedi direttamente dal portale;

-           visualizzazione delle eventuali anomalie del sistema di lettura e di trasmissione;

-           funzione di export delle letture.

CaldoAPP: lettura, verifica dei dati di consumo, ripartizione dei costi di riscaldamento e acqua calda sanitaria e accesso ai dati tramite APP

-           contabilizzazione annuale dei consumi di riscaldamento e acqua calda sanitaria in ottemperanza alla UNI 10200 (vers 2015) con                        emissione del prospetto riepilogativo dei consumi di periodo;

-           gestione delle stime dei consumi e delle casistiche particolari di contabilizzazione in ottemperanza alla Norma UNI 10200 

-           verifica di eventuali anomalie sui consumi;

-           customer care dedicato all’amministratore e al singolo utente finale (telefono, email, fax);

-           accesso al portale web per l’amministratore del condominio dedicato al servizio di contabilizzazione, contenente la storicizzazione                 delle letture dei misuratori per tutta la durata del servizio;

-           lettura settimanale dei consumi (in presenza di sistema di telelettura AMR);

-           visualizzazione del dettaglio consumi relativi alla stagione termica per singolo misuratore (ripartitore/contatore);

-           visualizzazione e calcolo dei consumi intermedi direttamente dal portale;

-           visualizzazione delle eventuali anomalie del sistema di lettura e di trasmissione;

-           funzione di export delle letture;

-           APP per dispositivi smartphone/tablet a disposizione del cliente finale per il monitoraggio e la verifica dei propri consumi (disponibile               soltanto in presenza di Sistema di telelettura AMR);

 


Approfondimenti tecnici


La contabilizzazione del calore per il risparmio energetico nel condominio

Installare la contabilizzazione del calore significa approntare all’impianto centralizzato delle semplici migliorie in grado di consentire la gestione del riscaldamento come oggi già facciamo con l’energia elettrica, il gas, l’acqua e di conseguenza pagare secondo l’effettivo consumo. La contabilizzazione del calore rappresenta, infatti, la principale modalità di ottimizzazione nella distribuzione del calore all’interno degli impianti di riscaldamento centralizzati.

La contabilizzazione dell’energia e l’installazione di sistemi per la termoregolazione dei consumi favoriscono atteggiamenti virtuosi negli utilizzatori. In particolare negli impianti a colonne montanti, le valvole termostatiche (valvole attraverso le quali è possibile impostare il livello di temperatura desiderato per ogni stanza), oltre ad evitare inutili surriscaldamenti dei locali, possono difatti permettere di limitare la temperatura nei locali normalmente scarsamente utilizzati, o durante i periodi di assenza, in modo tale da contenere i consumi di riscaldamento, e grazie all’installazione contestuale dei ripartitori di calore (la principale tecnologia per la contabilizzazione negli impianti a colonne montanti) consentono di pagare soltanto quanto effettivamente consumato dall’utente.

La contabilizzazione del calore è una tecnologia ampiamente diffusa nelle regioni del nord Europa, a cominciare da Francia e Germania, dove essa è obbligo di legge; attualmente anche in Italia essa sta prendendo sempre più campo grazie ad una spinta legislativa (detrazione fiscale, iva ad aliquota agevolata, contributi a livello locale, ecc.) volta a favorirne lo sviluppo in tempi brevi. La contabilizzazione è infatti una tecnologia in grado, con investimenti relativamente modesti, di abbattere un’elevata percentuale delle emissioni inquinanti generate dai nostri condomini. Installare dei buoni apparecchi per la contabilizzazione non è tuttavia una condizione sufficiente per l’ottenimento di tutti i vantaggi ricercati in termini di autonomia, comfort ed indipendenza nella gestione dei consumi, soltanto un adeguato servizio di contabilizzazione sarà in grado di farle percepire.


Risparmi possibili attraverso la contabilizzazione del calore


Non è tecnicamente possibile definire a priori in maniera scientifica/rigorosa ed assoluta a quanto ammonti il risparmio energetico dovuto all’installazione di un sistema di termoregolazione contabilizzazione individuale dei consumi (valvole termostatiche + contabilizzazione individuale dei consumi) in un condominio; sia esso caratterizzato da distribuzione termica di tipo “verticale” ed equipaggiato con un riscaldamento centralizzato oppure collegato ad una rete di Teleriscaldamento.

Poiché il risparmio effettivamente ottenibile in ogni singola condizione dipende da una grande numerosità di fattori (specifici = tecnici ed non-pecifici=comportamenti) una stima oggettiva (preventiva) da un punto di vista tecnico potrebbe essere tentata esclusivamente caso per caso attraverso un’analisi che, per la sua complessità, è decisamente anti-economica.

Si può dire, con ragionevole attendibilità, che, nell’uso pratico, il risparmio medio ottenibile oscilla da un 20% ad un 40% medio annuo rispetto alla situazione preesistente a parità di condizioni (stesso combustibile, stessa caldaia, stesso sistema distributivo, stesse condizioni  meteo, etc.) in assenza quindi di altri interventi associati.

Per quanto attiene alla regolazione individuale di ciascun corpo scaldante a mezzo delle valvole termostatiche il risultato ottenibile in termini di risparmio energetico è, sostanzialmente, direttamente correlato alla caratteristica termica ed alla qualità del prodotto (componente industriale) impiegato. In particolare uno dei principali parametri da considerare ai fini del risultato è l’inerzia termica del dispositivo che incide in maniera determinante sulla “prontezza” della regolazione.

Per quanto attiene viceversa alla contabilizzazione attraverso i ripartitori di calore bisogna correttamente inquadrare questa tecnica. Si tratta, da un punto di vista metrologico, di una misura “indiretta di ripartizione”. Ovvero non si tratta di una misura diretta di una grandezza fisica (come avviene quando leggiamo il totalizzatore del contatore elettrico che esprime direttamente i KWh consumati) in quanto la misura che viene effettuata dal ripartitore determina un “numero primo” assolutamente scorrelato dalla quantità di energia effettivamente ceduta all’ambiente dal corpo scaldante. Parallelamente deve essere condotta un’operazione di “caratterizzazione” del corpo scaldante considerato che permette di individuare un complesso di indici (…….) da impiegare nelle successive procedure di determinazione della quota di consumo di competenza del singolo corpo scaldante. La misura che si effettua non è specificamente il calore emesso dal radiatore considerato bensì la quota di pertinenza di quel radiatore tra tutto il calore emesso dai corpi scaldanti facenti parte del sistema termico considerato (la misura, come detto prima, oltre ad essere indiretta è “di ripartizione”).